VOTA QUESTO SITO

ALCUNE INFORMAZIONI SU DI ME

La mia foto
Italy
Da alcuni anni sono referente per la dislessia e insegno nella scuola primaria di Argentera Canavese. Autrice della favola "Lucertolina e Mirtillina" del libro per bambini sui DSA "Abracadabra Lucertolina". Alcune mie favole sono state pubblicate in altri due libri per bambini editi dalla casa editrice Mammeonline; curo il forum DSA su un sito per mamme;ho relazionato ad incontri e convegni sui disturbi specifici dell'apprendimento. Ho presentato il libro sui DSA, di cui sono coautrice, al Salone del Libro di Torino. Ho conseguito la specializzazione polivalente presso l'Istituto G Toniolo di Torino, con il massimo dei voti.

sabato 9 febbraio 2013

quesiti sugli EES

Ricevo via mail, da un'insegnante questi quesiti, li condivido con voi perchè le risposte sono d'interesse comune

"Ciao Cristiana
>
> Sono Chiara
>
> Ti scrivo perchè alcune mamme mi hanno chiesto informazioni sui loro
> figli che usufruiscono delle Esigenze Educative Speciali(o EES) a scuola.
> Io le chiedo a te, se ti è possibile rispondermi.
>
> 1) Le EES rientrano nelle DSA e ci vuole xciò la stesura del PDP? Io
> penso di sì.
>
> 2)L'esame di terza media(=cl.3a della sc.second. di I° gr.)è come i
> compagni o le prove scritte e il colloquio orale devono risprettare le EEs
> del PDP?
> Il voto ottenuto dall'alunno con EES ha valore legale come i compagni?
> Cioè l'alunno avrà la pagella come gli altri?
>
> 3) Stesse domande della n°2) ma x l'Esame di Stato - sc-second. di II°
> gr.
>
> 4)E' vero che c'è familiarità nella dislessia e negli EES, cioè +
> fratelli possono necessitare del PDP?
>
>
> Ciao Chiara."


1) Non sono gli EES a rientrare nei DSA ma viceversa. Gli EES  ( o BES) li possiamo immaginare come un insieme universo dentro cui ci sono molti sottoinsiemi,i DSA sono uno di questi. La differenza , prima dello scorso 27 dicembre, era la legge 170 che tutelava i DSA con una serie di indicazioni tra cui la compilazione del PDP. Dal 27 dicembre 2012, con la pubblicazione della nuova direttiva MIUR firmata da Profumo, TUTTI i BES hanno gli stessi diritti dei DSA e per TUTTI viene indicata la compilazione del PDP.

2- 3) Gli esami, qualunque essi siano, di "3^ media" , di 5^ liceo o di Stato, devono seguire le indicazioni stabilite dalla legge, ossia uso di strumenti compensativi/dispensativi, tempi più lunghi pari al 30% in più rispetto a quello concesso agli altri candidati; valutazione del contenuto e non della forma....Ovviamente perché ciò possa essere applicato devono esserci un PDP e, soprattutto, la diagnosi di DSA o EES .
Il voto è assolutamente legale.
 Per ragioni di privacy sulla pagella o sull'atetstato non deve comparire alcun riferimento al DSA / EES del ragazzo/bambino.
L'unica cosa a cui bisogna fare attenzione è la dispensa assoluta dalla lingua straniera (o anche antica quali latino e greco) scritta. Poiché un esame di stato valuta la capacità di parlare e scrivere, il non sostenere lo scritto non dà il diploma ma solo la qualifica, quindi è assolutamente da evitare. Ciò che devono fare le commissioni è di adeguare la prova scritta al disturbo del candidato.
La dispensa dallo scritto dev'essere chiesto solo ed esclusivamente in casi gravissimi e in seguito al parere degli specialisti che seguono il bambino. I genitori, a parer mio, non devono improvvisare nulla , in tal senso, ma devono sempre attenersi a quanto consigliato e se la cosa non li convince, cioè, se lo specialista consiglia questo genere di dispensa (ripeto dello scritto della lingua straniera nelle scuole in cui bisogna sostenere un esame finale...) conviene sentire almeno un altro parere.


4) La familiarità non è una regola fissa. Si è notato che c'è un'alta probabilità che un bambino DSA o ADHD abbia almeno un famigliare con questa caratteristica. I disturbi dell'apprendimento, però, possono avere molte altre cause tra cui i traumi cranici... Il pdp va fatto solo di fronte a una diagnosi. Se un fratello ha la diagnosi e l'altro no, il pdp verrà fatto per il primo e non per l'altro. Il pdp non ha valore preventivo....

Spero di essere stata chiara e aver risolto i vostri dubbi :O)

4 commenti:

  1. Dopo aver letto questo post, mi sovviene un dubbio: visto che sul diploma del soggetto con DSA non deve comparire, per ragioni di privacy, che il soggetto stesso ha seguito un programma che per certi versi ha delle mancanze rispetto ad un programma ministeriale normale, non è discriminante nei confronti di chi non è un DSA?
    Quando il DSA entrerà nel mondo del lavoro avrà delle lacune rispetto a chi ha svolto il programma didattico normale e questo a mio avviso va reso noto, per correttezza e trasperanza.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Titty il ragazzo DSA che consegue un diploma o una laurea non ha alcuna lacuna rispetto ai suoi compagni perchè il programma non subisce cambiamenti negli obiettivi ma viene adattato negli strumenti. Quindi, lui deve conseguire esattamente gli stessi obiettivi della classe, deve saper fare e conoscere esattamente le stesse cose. Non esiste alcuna discriminazione. Anzi, il ragazzo dislessico lo è nel momento in cui non gli viene permesso di leggere e comprendere attraverso l'uso della sintesi vocale oppure a un discalculico di risolvere correttamente un problema usando la calcolatrice, perchè la calcolatrice serve solo per fare i calcoli corretti, il ragionamento deve farlo il ragazzo. Il disortografico non può essere bocciato solo perchè non automatizza le regole ortografiche, magari ha idee eccellenti, ottima logica...Non so se sono riuscita a spiegare bene qual è la condizione di un soggetto con disturbo specifico.

      Elimina
  2. SONO UNA MAMMA DI UNA BAMBINA BORDERLINE DEFICIT COGNITIVO QIT 77 QIV81 QIP77 POSSO USUFRUIRE DELLA LEGGE 170/2010 ART 6 ORARIO FLESSIBILE PER I GENITORI DI UN BAMBINO CERTIFICATO? ESSENDO LEI EES? E NON DSA COME CITATO DALLA LEGGE ? GRAZIE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo non so dare una risposta . Conviene sentire i sindacati

      Elimina