VOTA QUESTO SITO

ALCUNE INFORMAZIONI SU DI ME

Le mie foto
Italy
Da alcuni anni sono referente per la dislessia e insegno nella scuola primaria di Argentera Canavese. Autrice della favola "Lucertolina e Mirtillina" del libro per bambini sui DSA "Abracadabra Lucertolina". Alcune mie favole sono state pubblicate in altri due libri per bambini editi dalla casa editrice Mammeonline; curo il forum DSA su un sito per mamme;ho relazionato ad incontri e convegni sui disturbi specifici dell'apprendimento. Ho presentato il libro sui DSA, di cui sono coautrice, al Salone del Libro di Torino. Ho conseguito la specializzazione polivalente presso l'Istituto G Toniolo di Torino, con il massimo dei voti.

mercoledì 17 marzo 2010

LE MIE MAPPE CONCETTUALI

Vi inserisco alcune mappe concettuali che ho creato per lo studio della storia.




Questa mappa è sulle MUMMIE degli EGIZI
come si procede:
  1. LA MAESTRA LEGGE IL TESTO
  2. SI FORNISCE A CIASCUN ALUNNO LA MAPPA VUOTA
  3. SI FA NOTARE CHE CI SONO DEI NUMERI, QUEI NUMERI RAPPRESNETANO LA STRADA, LA GUIDA DEL NOSTRO PERCORSO NELAL COSTRUZIONE E LETURA DELLA MAPPA
  4. SI CHIEDE AI BAMBINI DI RILEGGERE ATTENTAMENTE IL TESTO (I BIMBI DSA POSSONO APPOGGIARSI A UN COMPAGNO LETTORE O ALL'INSEGNANTE)
  5. SI DOMANDA QUAL E' L'ARGOMENTO PRINCIPALE, QUELLO DA INSERIRE AL NUMERO 1
  6. ATTRAVERSO DOMANDE GUIDE SI AIUTANO I BIMBI A TROVARE TUTTI I COLEGAMENTI
  7. UAN VOLTA COMPLETATTA LA MAPPA SI COLORANO LE PARTI USANDO GLI STESSI COLORI PER I CONCETTI COLLEGATI TRA LORO. SE E' POSSIBILE E' CONSIGLIABILE USARE COLORI CHE RIMANDANO ALLA REALTA'. AD ESMPIO SE SI PARLA DI PIANURE SI USA IL VERDE, SE SI PARLA DI ACQUA IL BLU E COSI' VIA.
  8. GLI STESSI COLORI USATI NELLA MAPPA DEVONO ESSERE USATI PER COLORARE LE PARTI CORRISPONDENTI SUL TESTO IN MODO CHE CI SIA UN RIMANDO IMMEDIATO ALLA MAPPA, DURANTE LO STUDIO E IL RIPASSO O VICEVERSA.
  9. PER I BIMBI DSA SAREBBE OPPORTUNO INSERIRE DELLE IMMAGINI ACCANTO ALLE VARIE CASELLE IN MODO CHE LO STUDIO E LA MEMORIZZAZIONE VENGANO FACILITATE DALLA MEMORIA VISIVA.

Purtroppo sono una pessima disegnatrice e nè io, nè la mia scuola possediamo il programma Super Mappe che permette di inserire immagini nelle mappe, pertanto alcune le ho costruite senza disegno anche perchè mi sono resa conto che così com'erano erano comunque sufficienti per i miei alunni DSA. Il nostro testo, inoltre, è ben strutturato perchè suddivide il paragrafo in concetti accanto ai quali vengono inserite delle immagini chiare ed esplicative, infatti, spesso, faccio usare quelle illustrazioni come supporto allo studio, al posto delle mappe.

(LA PROSSIMA VOLTA VI INSERIRO' ALTRE MAPPE)

3 commenti:

  1. innanzitutto complimenti per il lavoro che stai facendo! Sono una mamma (trimamma anzi) e neppure noi abbiamo supermappe, ma su cmap riusciamo a destreggiarci abbastanza bene anche con le immagini.
    Le immagini le troviamo su internet.
    Pero' è vero: se il lavoro di cercare i concetti è fatto dai ragazzi i concetti gli rimangono in testa :)

    RispondiElimina
  2. Anch'io ho tre figli, piccoli e molto impegnativi, questa la ragione principale per cui risco a fare meno della metà delle cose che vorre fare per i miei alunni DSA. Per creare le mappe della preistoria ho impiegato tantissimo tempo perchè ho dovuto ricercare le immagini in internet, sleezionare quelle adatte, salvarle, creare la mappa facendo dei copia/incolla mettere le frecce...salvare stampare. Il tutto sperando che non si creino intoppi! ;O) Una logoèedista mi aveva detto che certi lavori li dovrebbe fare la famiglia, ossia, io spiego l'utilità dello strumento mappe per lo studio e poi la famiglia aiuta il bambino a costruirle.
    IO ritengo che dipende da caso a caso e da cosa s'intende fare a scuola.Attualemnte sto insegandoa tutta la classe ad usarle e costruirle , il mio obiettivo è di fornire a tutti uno strumento, alcuni non le usano e le ritengono superflue, per altri sono fondamentali. Come sempre è tutto relativo e compito della scuola, a parer mio , è quellod i fornire il maggior numero di strumenti per affrontare nel modo migliore l'apprendimento, poii sarà iol singolo soggetto a scegliere e utilizzare ciò che ritiene più congeniale al suo stile cognitivo.

    RispondiElimina
  3. sei molto preziosa.
    parola di maestra/mamma di un dsa.

    RispondiElimina